IL GIARDINO DI GAIA - Teatro Amilcare Ponchielli Cremona

IL GIARDINO DI GAIA

di Massimo Carlotto
con Cinzia Spanò, Daniele Ornatelli, Eleni Molos, Nicola Stravalaci, Maurizio Pellegrini, Dario Sansalone, Linda Caridi
musiche originali Gianluigi Carlone
fonico Davide Tavolato 
sound design Marco Sambinello
adattamento e regia Sergio Ferrentino


Gaia Convento Bruni è una donna che si è creata una sorta di mondo perfetto dove gestisce marito, figlio e il ruolo della famiglia in paese. Una persona di buon senso che non si ferma di fronte a nulla, nemmeno quando scopre che il marito vuole lasciarla per un’altra. Gaia non si dispera ma reagisce per salvare il suo matrimonio. Al centro di questa storia ci sono le relazioni tra le persone stritolate da convenzioni sociali che non sono più in grado di sostenere progetti di vita reali e che la crisi ha reso ancora più “invivibili”.
Un intreccio di relazioni in cui si annida anche la violenza familiare, perfettamente occultata grazie all’indifferenza degli altri. Famiglia, amiche e amici. E amanti. Questo è il mondo che Gaia riunisce nel suo giardino per testimoniare al paese la perfezione del suo modello.
Fonderia Mercury è un centro di produzione e diffusione di audio prosa il cui obiettivo è quello di recuperare, in teatro, la tradizione della radiofonia per anni diffusa attraverso l’etere. All’ingresso in sala ciascun spettatore viene munito di audio cuffie con le quali ascolterà ciò che accade in scena trovandosi totalmente immerso nella narrazione acustica.
Scrivere una storia che sarà ‘ascoltata’ sovverte ogni idea su cui si regge il romanzo…per uno scrittore è pura avventura.
Che bellezza!
(Massimo Carlotto)

 

Fonderia Mercury è un centro di produzione e diffusione di audioprosa che valorizza le sonorità nelle espressioni artistiche come nella vita. Fondata nel 2011 da Sergio Ferrentino, gia’ autore e conduttore radiofonico e televisivo, da Radiopopolare a Radio Rai alla Tv di Stato, trae il nome proprio dalla compagnia teatrale diretta da Orson Wells – Mercury Theatre – che mise in scena, anzi in onda, il 30 ottobre del 1938, La Guerra dei Mondi, un esperimento di radiodramma che colpì gli ascoltatori sintonizzati sull’americana CBS, li getto’ nel panico e lascio’ il segno nella radiofonia mondiale.

Fonderia Mercury, attraverso l’allestimento degli audiodrammi, propone l’imprevedibile intersecarsi di tre linguaggi: quello della letteratura, quello del teatro e quello della radio. Mentre siamo abituati da secoli ad assistere alla sovrapposizione e alla fusione dei primi due, l’elemento di novità e’ la recitazione all’interno della drammaturgia radiofonica. La sfida di Fonderia Mercury e’ di portare in Italia questo stile narrativo e drammaturgico poco conosciuto e di adattarlo alle tecnologie moderne. Per valorizzare sempre lui, il suono. Gli spettatori sono dotati di cuffie distribuite all’ingresso: loro ascoltano quello che potrebbero ascoltare se fossero sintonizzati su una stazione radio, con la differenza che vedono come i suoni e le situazioni sonore vengono ricostruiti. Oggi più che mai, nella società dell’immagine, si dedica scarsa attenzione al piano acustico della realtà che viviamo Insomma, si va a teatro per ascoltare e assistere ad un’immagine acustica, come l’ha chiamata il critico tedesco Rudolf Arnheim.

Location:

Teatro

Compra online

Contatti

Informazioni e prenotazioni telefoniche ai numeri
tel: 0372.022.001 e 0372.022.002.

Mail (per informazioni non per prenotazioni):
biglietteria@teatroponchielli.it